In viaggio con Bessie (parte 2543esima)

Piano

Alle cose dai un nome, loro prendono vita, crescono e diventano (più o meno) grandi, poi nascono. Con una forma. Per raggiungere quella forma le sue particelle si sono dovute frazionare, moltiplicare, allungare, cambiare.

Per quando nascono la relazione che hai con loro è sempre viscerale, ma ormai lucida. Tu hai assistito e preso parte a tutto il processo, imparando a conoscere attraverso gli occhi degli altri quello a cui tu stesso hai dato un nome. Mai sostituirsi agli occhi degli altri. Grazie a questi impari a parlare di ciò che si è vissuto, non di ciò che si è sentito dire.

Non è che basta essere un musicista per vivere, e che per il semplice fatto che suoni o canti sei più sensibile o sai percepire meglio la realtà da dietro uno strumento o un microfono. Bisogna gettarsi dentro alle cose, senza manipolarle. Accompagnarle nel viaggio insieme a te. Essere presenti e attenti.

Nel frattempo vado a cucinarmi una torta.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...